Aromaterapia: Natura crea e cura

Aromaterapia: Natura crea e cura

Il termine aromaterapia fu coniato da Gattefossè.

Il chimico francese, lavorando con gli oli essenziali si accorse che la lavanda curava le scottature, mentre l’olio essenziale applicato alla gola favoriva l’espressione della persona e la modalità comunicativa.

La lavanda ha effetti benefici anche sui disturbi del sonno, infiammazioni, mal d’orecchie, influenza, indigestione, bronchite. Seda l’umore, è ottimo come deodorante, personale e degli ambienti, allevia il dolore dato dall’infiammazione della cervicale.

Aromaterapia: Natura crea e cura

Egizi, Greci e Romani utilizzavano gli oli aromatizzati con le erbe per profumare il corpo e i vestiti, purificare l’aria e creare unguenti con funzioni medicamentose.Il metodo di produzione si perfezionò poi nel medioevo con Avicenna, un alchimista arabo, nel X secolo.

Il primo olio estratto dallo studioso fu l’olio di rosa, con cui creò l’acqua di rose, un profumo che ebbe un successo immediato sia in Medio Oriente, sia in Occidente, dove fu importata a seguito delle crociate.

Benefici dell’aromaterapia

L’effetto benefico dell’aromaterapia si ottiene sia per via aerea, quindi profumando le stanze, gli oggetti, gli abiti; per via cutanea, con applicazioni locali delle essenze, per esempio attraverso massaggi; infine, talvolta, per via orale, per esempio con l’utilizzo di colluttori a base di oli essenziali.

I migliori risultati si ottengono adoperando oli essenziali naturali. 

Aromaterapia: Natura crea e cura

Come creare la propria miscela

Recuperate fiori e parti verdi, tagliateli poco prima che comincino ad appassire o a perdere colore. Distanziate le piante su un foglio di giornale per farle essiccare, oppure legatene gli steli e appendetele capovolte. Aggiungete alcune gocce di olio essenziale al vostro pot-pourri (3 o 4 gocce per un sacchetto di 50 g) e poi sigillatelo per tre-quattro giorni: gli oli impregneranno le piante e i fiori secchi. Quando il profumo si affievolirà, ravvivatelo con poche gocce versate direttamente sui fiori.

Aromaterapia e massaggi

Gli oli essenziali si possono naturalmente applicare anche sul corpo, per alleviare dolori e infiammazioni. In questo caso è bene non utilizzarli puri, ma abbinarli a un olio neutro come quello di cocco, di mandorla o jojoba). Si utilizzano solitamente 3-5 gocce di olio essenziale per 50 ml di olio base.

Le essenze possono essere utilizzate anche pure, per esempio per lenire il fastidio delle punture di insetto. In questo caso, però, basta una goccia (di lavanda o rosmarino).

Aromaterapia: Natura crea e cura

Un bagno nel’essenziale

Si possono sfruttare le proprietà tonificanti o rilassanti degli oli essenziali anche nell’acqua del bagno, aggiungendo fino a un massimo di dieci gocce dell’essenza prescelta.

La salute è nell’aria

Poche gocce di olio essenziale (2-3) in un bicchiere d’acqua sono sufficienti per realizzare un colluttorio utile per contrastare infiammazioni e fastidi orali come afte, gengiviti e mal di gola. Particolarmente indicato a questo scopo è lolio essenziale di limone, potente battericida.

Il limone favorisce anche la concentrazione e aumenta il vostro vigore.

L’olio essenziale di timo invece, innalza le difese immunitarie e contrasta l’affaticamento.

La menta piperita combatte mal di testa, punture d’insetti e febbre. Favorisce la digestione e la concentrazione. Indicata in caso di affaticamento mentale e raffreddore.

Il rosmarino vi supporta nei casi di debolezza generale, infezioni intestinali, disturbi cardiaci e nervosi e infine reumatismi.

L’Ylang Ylang e la rosa hanno proprietà calmanti, antisettiche e afrodisiache. Curano l’ipertensione e le infezioni intestinali. Calmano stati di tristezza.

Il ginepro è usato nei casi di digestione lenta e nelle affezioni delle vie urinarie. Ha effetti benefici contro artrite, artrosi, gotta e cervicale.

La camomilla  è utile per alleviare i dolori muscolari e le contrazioni. E’ anche un buon antisettico e antistress.

Aromaterapia: Natura crea e cura

Il basilico  è il rimedio aromaterapico utilizzato per contrastare la spossatezza psicofisica e l’inquietudine.

Il sandalo infine promuove la calma.

Ecco qualche esempio di ciò che la Natura pone costantemente sotto ai vostri occhi e attende solo di essere portato alla consapevolezza per usufruirne con gratitudine e buon senso.

Non vi resta che sperimentare.

Fiorite…e splendete!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile, cliccando su "Accetto" permetti il loro utilizzo. Consulta la Cookie Policy per avere maggiori informazioni. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi